Associazione Sentiero Rosso ONLUS

Dal 1999 a fianco dei Nativi Americani

Viaggi nelle riserve dei nativi americani 2018

Dal 1999 nelle riserve indiane Se vuoi vivere un viaggio non turistico alla scoperta della vera vita di una riserva, partecipa ai nostri viaggi avventura tra gli indiani d'America. Starai a contatto coi nativi americani, vivendo a pieno cerimonie sacre come la Danza del Sole. Clicca per il programma 2018.

Luoghi e Località

Alcuni luoghi ed alcune località che solitamente visitiamo durante i nostri viaggi annuali nelle riserve dei nativi americani.

Libri

Sezione dedicata ai libri, soprattutto scritti da ragazzi  "freelance"

Richard Giago

Un grande artista, Oglala, che insegna ai ragazzi come fabbricare ed usare gli archi tradizionali, acquistabili da tutti.

The Quilt Maker

Le meravigliole coperte lakota fatte da Carol, che potete acquistare da lei direttamente.

Altre lingue

  

Dona con Paypal

 

Oggi346
Ieri313
Settimana2307
Mese7020
Totali52923

Who Is Online

3
Online

Sentiero Rosso, da 19 anni nelle riserve degli indiani d'America

 

VIAGGIO DI LUGLIO SOLD OUT -  07  POSTI LIBERI PER IL VIAGGIO DI GIUGNO

Vi aspettiamo al nostro stand

 

DEADWOOD

Nel 1874 la scoperta dell'oro nelle Black Hills a seguito di una spedizione del generale Custer, diede il via ad una delle ultime grandi corse all’oro negli Stati Uniti. Quando nel 1876 i primi minatori giunsero nella parte settentrionale delle Black Hills, trovarono una gola piena di alberi morti solcata da un torrente pieno di pepite d’oro. Piantarono lì le prime tende e Deadwood nacque.Nel giro di qualche giorno le tende furono sostituite da baracche e ben presto si riversarono nella piccola cittadina cercatori d’oro, fuorilegge, giocatori d'azzardo, pistoleri e prostitute che resero Deadwood una città ai confini della legge.
Il Governo Americano per lungo tempo fece finta di non sapere cosa accadeva in quella sperduta zona delle Black Hills in quanto il continuo affluire di coloni comportava un allontanamento delle tribù native che vivevano da millenni su quelle colline.
Deadwood divenne ben presto famosa anche grazie a leggende del West come Wild Bill Hickok, il famoso pistolero, che non rimasero immuni dal richiamo del guadagno facile. Hickok arrivò a Deadwood agli inizi di giugno, ma i primi di agosto fu ucciso mentre giocava una partita a poker, e le carte che aveva in mano -una coppia di assi e una di otto- al momento in cui fu ammazzato divennero da allora la “mano del morto”.
Altre leggende del West come Calamity Jane (sepolta accanto a Hickok nel Mount Moriah Cemetery), Potato Creek Johnny, Seth Bullock e Al Swearengen, hanno lasciato il loro segno in questo piccolo paese Black Hills.
Deadwood è sopravvissuta a tre incendi ed a numerose difficoltà economiche, che hanno rischiato di farla divenire un dei tanti paesi fantasma dispersi tra le Black Hills, ma grazie alla legalizzazione del gioco d’azzardo avvenuta nel 1989, la cittadina ha richiamato turisti da tutti gli Stati Uniti e ancora oggi vive delle sue leggende e delle sue sale da gioco.