Associazione Sentiero Rosso ONLUS

Dal 1999 a fianco dei Nativi Americani

Viaggi nelle riserve dei nativi americani 2018

Dal 1999 nelle riserve indiane Se vuoi vivere un viaggio non turistico alla scoperta della vera vita di una riserva, partecipa ai nostri viaggi avventura tra gli indiani d'America. Starai a contatto coi nativi americani, vivendo a pieno cerimonie sacre come la Danza del Sole. Clicca per il programma 2018.

Luoghi e Località

Alcuni luoghi ed alcune località che solitamente visitiamo durante i nostri viaggi annuali nelle riserve dei nativi americani.

Libri

Sezione dedicata ai libri, soprattutto scritti da ragazzi  "freelance"

Richard Giago

Un grande artista, Oglala, che insegna ai ragazzi come fabbricare ed usare gli archi tradizionali, acquistabili da tutti.

The Quilt Maker

Le meravigliole coperte lakota fatte da Carol, che potete acquistare da lei direttamente.

Altre lingue

  

Dona con Paypal

 

Oggi0
Ieri347
Settimana0
Mese7021
Totali52924

Who Is Online

3
Online

Sentiero Rosso, da 19 anni nelle riserve degli indiani d'America

 

VIAGGIO DI LUGLIO SOLD OUT -  07  POSTI LIBERI PER IL VIAGGIO DI GIUGNO

Vi aspettiamo al nostro stand

 

CRAZY HORSE MEMORIAL

«Quando morirò dipingetemi tutto di rosso e gettatemi nel fiume: così ritornerò. Se non lo farete ritornerò lo stesso, ma come pietra.» (Cavallo Pazzo prima di morire)
Il Crazy Horse Memorial (monumento a Cavallo Pazzo) è una grande scultura nella roccia delle Black Hills, in South Dakota.
Una volta che sarà completata sarà la più grande scultura nella roccia mai costruita, larga 195 metri ed alta 172. (le teste scolpite sul Monte Rushmore sono alte solamente 18 metri). Proprio per riparare alla "provocazione" di questo monumento dell'uomo bianco (costruito in territorio sacro indiano), nel 1939 i capi Lakota appoggiarono l'idea di uno scultore di Boston, Korczak Ziolkowski (già assistente dello scultore Gutzon Borglum che creò il Monte Rushmore), intenzionato a onorare la memoria di quello che viene definito "l'ultimo Sioux".
Il 3 giugno 1948, avvenne la prima esplosione, alla presenza di una decina di anziani reduci della battaglia di Little Big Horn (25 giugno 1876), che diede il via agli immensi lavori per la realizzazione di quest’opera monumentale.
I lavori proseguirono tra molti incidenti ei diverse occasioni lo scultore restò infortunato. Continuò a lavorare anche dopo due interventi al cuore.
Korczak Ziolkowski morì il 20 ottobre 1982 lasciando incompiuto il suo grande lavoro.
La moglie dello scultore assunse la direzione dei lavori, progettando di terminarli entro il 2000, ma i problemi che si sono via via susseguiti hanno ritardato di parecchio la fine degli stessi (basti pensare che il solo disegno delle labbra di Cavallo Pazzo ha richiesto due anni di lavoro). A tutt'oggi il memoriale in onore di Cavallo Pazzo non è terminato, ma l'impresa continua ad opera dei figli di Ziolkowski.
Nel 1999, il sito fu visitato dall’allora Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton e ogni anno richiama centinaia di migliaia di visitatori da tutto il mondo che giungono fino qua per ammirare Cavallo Pazzo vegliare e proteggere le terre dei suoi padri.