Associazione Sentiero Rosso ONLUS

Dal 1999 a fianco dei Nativi Americani

Viaggi nelle riserve dei nativi americani 2018

Dal 1999 nelle riserve indiane. Vieni con noi nelle riserve per aiutare i lakota a preservare la loro cultura, le loro cerimonie, la loro storia. 

Luoghi e Località

Alcuni luoghi ed alcune località che solitamente visitiamo durante i nostri viaggi annuali nelle riserve dei nativi americani.

Libri

Sezione dedicata ai libri, soprattutto scritti da ragazzi  "freelance"

Richard Giago

Un grande artista, Oglala, che insegna ai ragazzi come fabbricare ed usare gli archi tradizionali, acquistabili da tutti.

The Quilt Maker

Le meravigliole coperte lakota fatte da Carol, che potete acquistare da lei direttamente.

Altre lingue

  

Dona con Paypal

 

Oggi300
Ieri443
Settimana3195
Mese7721
Totali142213

Who Is Online

1
Online

mathew king, medicine man lakota sioux

MATHEW KING, UOMO DI MEDICINA LAKOTA SIOUX


E'stato per molto tempo il portavoce dei capi tradizionali della nazione lakota (sioux) e l'interprete ufficiale di Frank Fools Crow, il famoso capo cerimoniale lakota,inoltre è stato uno dei leader principali del grande risveglio indiano iniziato verso la fine degli anni sessanta.
Instancabile e intrepido "spirito guerriero" in difesa della causa indiana, è stato consigliere politico e spirituale dei giovani e arrabbiati attivisti dell' AMERICAN INDIAN MOVEMENT (AIM), durante e dopo la storica "occupazione" da parte della piccola comunità della collina di Wounded Knee, in quella occasione Mathew e Fools Crow offrirono i loro consigli ai difensori assediati,impegnandosi contemporaneamente a negoziare con la polizia federale per mettere fini alla contesa.
uno degli agenti, irritato dall' atteggiamento fermo di Mathew, lo chiamò "il duro del gruppo".
Non c 'erano ne durezza ne cattiveria, ma solo giustizia al suo popolo.
"IO SONO UN GUERRIERO INDIANO" disse una volta con il fuoco negli occhi e combatterò finchè non mi uccideranno! la missione più importante della sua vita fù quella di far restituire
le colline nere al popolo Lakota.
Nel 1980 la corte suprema degli stati uniti assegnò al popolo Lakota un indennizzo di 106 milioni di dollari per l'appropriazione indebita delle colline nere, ma i tradizionalisti come Mathew e Fools Crow istigarono la loro gente a rifiutare il denaro, insistendo invece per la restituzione di almeno una parte delle sacre colline nere.
Il denaro è tuttora nelle casse del tesoro statunitense e ad oggi la somma ammonta a circa 400 milioni di dollari.
Mathew spesso diceva "sono un' indiano, sono figlio di Dio ed è ora che gli indiani dicano al mondo quello che sanno........... sulla natura e su Dio. Avete molto da imparare....."
MATHEW KING
"HO RICEVUTO UN'EDUCAZIONE CRISTIANA FIN DA PICCOLO. MIO PADRE E DUE DEI MIEI ZII ERANO STATI CONVERTITI DA UN MISSIONARIO CHIAMATO VESCOVO HARE, CHE CI AIUTAVA A TROVARE CIBO A QUEI TEMPI, QUANDO CI AVEVANO PORTATO VIA I FUCILI E I CAVALLI E NON POTEVAMO PIU' ANDARE A CACCIA. SE QUALCUNO SI CONVERTIVA, MANGIAVA MEGLIO. I BISONTI NON C'ERANO PIU'.
PER AIUTARE A DAR DA MANGIARE AI LAKOTA AFFAMATI MIO PADRE E I MIEI ZII DIVENTARONO MISSIONARI TRA LA LORO GENTE, MINISTRI DI CULTO RICONOSCIUTI NELLA COMUNIONE ANGLICANA O CHIESA EPISCOPALE. COSI' DOPO IL LICEO, MIA MADRE MI MANDO' AL SEMINARIO INDIANO DI SPRINGFIELD PER SEGUIRE LE LORO ORME.
MI PIACEVA SUONARE LA TROMBA NELL'ORCHESTRA DELLA SCUOLA, MA NON VOLEVO DIVENTARE PRETE. AL SEMINARIO DI SPRINGFIELD RIFLETTEI MOLTO SERIAMENTE E GIUNSI ALLA CONCLUSIONE CHE QUELLO CHE STAVO IMPARANDO NON FACEVA PER ME.
ERA LA VIA DELL'UOMO BIANCO, NON LA VIA INDIANA. COSI' CON IL VESCOVO ROBERTS E GLI CHIESI:
" VESCOVO, POSSO SVOLGERE IL MIO LAVORO MISSIONARIO IN QUALCHE ALTRO MODO CHE NON SIA DIVENTARE UN SACERDOTE?".
EGLI MI CHIESE: " CHE COSA HAI IN MENTE?".
GLI RISPOSI: " VEDE, LA BIBBIA DICE CHE BISOGNA GUADAGNARSI IL PANE CON IL SUDORE DELLA FRONTE. MA PROPRIO ADESSO MOLTA DELLA NOSTRA GENTE NON SA COME FARE PER LAVORARE, NON SA COME GUADAGNARSI IL PANE CON IL SUDORE DELLA FRONTE, INVECE DI MORIRE DI FAME".
" BENISSIMO!", ESCLAMO' VESCOVO ROBERTS. " TI SOSTERRO' AL CENTO PER CENTO!"
COSI' LASCIAI IL MISSIONARIO E CERCAI DEI SISTEMI PER PROCURARE LAVORO AGLI INDIANI.
NEL 1958 MI HANNO ELETTO CAPO A PIENO TITOLO E SONO DIVENTATO PORTAVOCE DEI CAPI.
LE SETTE TRIBU' DEI LAKOTA MI HANNO SCELTO COME PRESIDENTE. SONO STATO ELETTO PRESIDENTE ANCHE DELL'I NTERNATIONAL INDIAN TREATY COUNCIL, COSI' SONO DIVENTATO PORTAVOCE DI 280 TRIBU'.
A UN CERTO PUNTO ERO PRESIDENTE DI SEI DIFFERENTI ORGANIZZAZIONI. HO FATTO MOLTI VIAGGI A WASHINGTON PER PARLARE A NOME DELLA MIA GENTE. SONO ANDATO IN FRANCIA, IN INGHILTERRA, IN GERMANIA, IN OLANDA, IN SUD AMERICA, IN TUTTO IL MONDO. HO LAVORATO E VISSUTO PER LA MIA GENTE, PER FARLA VIVERE MEGLIO.
ADESSO HO SUPERATO GLI OTTANT'ANNI E STO RALLENTANDO, MI SONO RITIRATO DALLA MAGGIOR PARTE DEGLI IMPEGNI. OGGI STUDIO LA STORIA DELLA RELIGIONE INDIANA E STO RICERCANDO DI RECUPERARE TUTTO CIO' CHE ABBIAMO PERDUTO. INSEGNO LA DANZA DEL SOLE AGLI INDIANI IN TUTTO IL PAESE. INSEGNO ALLA GENTE COME SI CELEBRA LA CERIMONIA DELLA CAPANNA SUDATORIA, COME SI NUTRONO LE RADICI DEL SACRO ALBERO DELLA DANZA DEL SOLE CON IL PROPRIO SANGUE, QUANDO SI OFFRE LA PROPRIA CARNE A DIO, INSEGNO LORO A PARLARE CON DIO; E' IL LAVORO MIGLIORE TRA TUTTI.
QUESTE SONO DUNQUE ALCUNE DELLE COSE CHE HO FATTO NELLA MIA VITA. NON LE SCAMBIEREI CON NESSUN'ALTRA"