Associazione Sentiero Rosso Onlus

Indiani d' America

Iscriviti

 

VIAGGIA CON NOI

 

Dal 1999 nelle riserve indiane

Se vuoi vivere un viaggio non turistico alla scoperta della vera vita di una riserva, partecipa ai nostri viaggi avventura tra gli indiani d'America. Starai a contatto coi nativi americani, vivendo a pieno cerimonie sacre come la Danza del Sole. Clicca per il programma 2018.

 

barsa

VI ASPETTIAMO AL NOSTRO STAND IN FIERA 24, 25 e 26 NOVEMBRE A

CARRARA MARITTIMA, FESTIVAL COUNTRY

locandina nativi roma2017 web 

clicca sulla foto per le foto ed il resconto

barsa

04 OTTOBRE 2016, STANDING ROCK, NOI CI SIAMO ANDATI.                              NO  D. A. P. L.

WhatsApp Image 2016 10 05 at 02.41.20

barsa

 

facebook_page_plugin

KILI RADIO

Ascolta la radio della riserva sioux di Pine Ridge, South Dakota

 


 

SINTE GLESKA UNIVERSITY

Canale Youtube da cui vedere molti video interessanti


RICHARD GIAGO THE BOW MAKER

Un grande artista, Oglala, che insegna ai ragazzi come fabbricare ed usare gli archi tradizionali, acquistabili da tutti.

NOI E I CHEROKEE

 

 

Sezione dedicata ai nostri amici Cherokee del North Carolina

LUOGHI E LOCALITA'

Alcuni luoghi ed alcune località che solitamente visitiamo durante i nostri viaggi annuali nelle riserve dei nativi americani.

 

VINCI UN VIAGGIO IN USA

 

 

Partecipa al contest e vinci una quota di viaggio 2016

oggi341
ieri326
settimana667
mese7017
totali77886

Who Is Online

6
Online

il calendario degli indiani d'america

IL CALENDARIO INDIANO

Il metodo per calcolare il tempo raggiunse uno stadio molto avanzato fra le nazioni del Messico e dell'America centrale. Gli indiani dell'America settentrionale, invece, utilizzarono dei metodi più semplici:

L'alternarsi del giorno e della notte, i cambiamenti della luna e delle stagioni costituivano le basi del loro sistema. Per registrare il corso delle stagioni venivano considerati il germogliare, il fiorire, il cadere delle foglie, e il dare frutti della vegetazione, il nascere, crescere, e decadere dell'anno, il mutare, migrare, e l'accoppiarsi degli animali e degli uccelli. La divisione del giorno differiva, molte tribù riconoscevano quattro periodi diurni - il sorgere e il tramontare del sole, mezzogiorno e mezzanotte - mentre le giornate intere erano di solito calcolate come notti
o riposi.
Gli anni erano generalmente calcolati, soprattutto nel lontano Nord, sulla base delle stagioni invernali e delle nevi; ma negli Stati del Golfo, dove la neve è rara ed il caldo dell'estate è la caratteristica dominante, il periodo dell'anno aveva qualche riferimento con questa stagione
o con il calore del sole». Le quattro stagioni erano riconosciute con nomi specifici, ma i fenomeni naturali da cui erano determinate variavano secondo la latitudine, le condizioni ambientali e culturali, ad esempio se la tribù vivesse di caccia o di agricoltura. Le stagioni per i Lakota ed i Cheyenne erano:
CHEYENNE LAKOTA
Ma'zi'o'mivi PRIMAVERA Wetu
Mia'ni'vi ESTATE Bloketu
Do'noi'vi AUTUNNO Ptanyetu
Ii'ni'vi INVERNO Waniyetu

Gli indiani della Virginia dividevano l'anno in cinque stagioni: lo sbocciare della primavera; lo spigare dei cereali, o il tempo della maturazione della spiga; estate, o il sole più alto; raccolta del granturco, o la caduta delle foglie; inverno, Cohonk.
Molte delle tribù sud-orientali dividevano l'anno in cinque stagioni. Swanton e Boas affermano che alcune delle tribù della costa nord-occidentale dividevano l'anno in due parti uguali, con sei mesi o lune per ciascun periodo; il periodo estivo andava da aprile a settembre, e il periodo invernale da ottobre a marzo. Molte tribù iniziavano l'anno con l'equinozio di primavera, altri lo iniziavano con l'inverno. I Kiowa all'incirca il primo ottobre, gli Hopi con il "nuovo fuoco" di novembre. La divisione del tempo più importante per gli indiani dell'America settentrionale era il mese
lunare. I Cree della Nuova Inghilterra, ad esempio,ne contavano 13. Il sistema dei Kiowa, sebbene considerasse 12 lune nell'arco di un anno, presenta la peculiarità di una mezza luna in una stagione e l'altra metà nella stagione successiva: l'anno iniziava così con l'ultima metà di una luna. Tra gli Zuni metà dei mesi erano senza nome, l'altra metà, invece, designata. L'anno è chiamato "Passaggio del tempo", le stagioni i "passi" dell'anno, e i mesi "mezza luna," probabilmente perché ciascuno inizia con una luna nuova.
Il nuovo anno è definito "metà viaggio del sole". A metà del viaggio solare tra un solstizio d'estate e l'altro, il 19 dicembre circa, di solito inizia una breve stagione di grande attività religiosa. I primi sei mesi hanno appropriati e precisi nomi, gli altri, chiamati mesi "senza nome", sono designati nel linguaggio ritualistico Giallo, Blu, Rosso, Bianco, Variegato, e Nero, a seconda dei colori dei bastoni della preghiera sacrificati a rotazione, durante la luna piena, agli dèi del nord, dell'ovest, del sud, dell'est, dello zenit, e del nadir rappresentati rispettivamente dai quei colori». Alcune tribù compensarono i giorni in più dell'anno solare con lune aggiuntive. L'esploratore inglese Jonathan Carver riferendo dei Sioux e dei Chippewa, dice che «quando sono calate trenta lune
essi ne aggiungono una in soprannumero, che essi chiamano la luna persa».
Gli Haida interponevano un "mese tra", perché era tra i due periodi in cui si divideva il loro anno, ed è possibile che questo fosse tralasciato per correggere il calendario. I Creek contavano 12 lune e mezza all'anno, aggiungendo una luna alla fine di ogni secondo anno, metà contata nell'anno
precedente e metà nell'anno successivo. I Cherokee avevano un calendano di
12 mesi, il cui nome era indicativo del clima:
CALENDARIO CHEROKEE

Gennaio Du'nolv'tani -Mese della luna fredda
Febbraio Ka'gali -Mese della luna vigorosa
Marzo A'nui -Mese della luna ventosa
Aprile Ka'wani -Mese della luna fiorita
Maggio A'na'agv'ti -Mese della luna che pianta
Giugno De'ha'lui -Mese della luna del grano verde
Luglio Gu'ye'quoni -Mese della luna del grano maturo
Agosto Ga'lo'nii -Mese della fine della luna della frutta
Settembre Du'li'is'di -Mese della luna delle nocciole
Ottobre Du'ni'nvini -Mese della luna del raccolto
Novembre Nu'da'de'qua -Mese della luna del commercio
Dicembre V's'giga -Mese della luna della neve
I Dakota del Minnesota utilizzavano un calendario con il quale indicavano lo stato di sviluppo temporale del loro ecosistema. Vivendo in una zona che permetteva un'economia mista, potendo alternare la caccia al raccolto e all'orticultura, il loro calendario rappresentava, di conseguenza, il tempo di maturazione e di crescita dei prodotti della terra e i cicli riproduttivi
degli animali cacciati:
CALENDARIO DAKOTA
Marzo Wisthaociasia-onì-Luna del malocchio Luna degli
occhi dolenti
Aprile Magrahoandi-onì- Luna della selvaggina Luna quando le
oche depositano le uova
Maggio Mograhodanda-onì- Luna dei nidi Luna della
semina
Giugno Wojousticiascià-onì- Luna delle fragole Luna quando le
fragole sono rosse
Luglio Champoseia-onì- Luna delle ciliegie Luna della
muta delle oche
Agosto Tantànkakiocè-onì- Luna dei bufali Luna del
raccolto
Settembre Wasip-onì- Luna dell'avena selvatica
Luna quando il riso selvatico è messo a seccare
Ottobre Sciwostap-onì- Luna del raccolto dell'avena selvatica
Luna del riso che si secca
Novembre Takionka-onì- Luna del capriolo Luna quando i
cervi sono in calore
Dicembre Ahesciakiouska-onì- Luna del capriolo che mette le corna
Luna quando cadono le corna ai cervi
Gennaio Onwikari-onì- Luna del valore Luna dura
Febbraio Owiciatà-onì- Luna del gatto selvatico
Luna del procione
I Lakota, parenti stretti dei Dakota e appartenenti ai Sette Fuochi del Consiglio, avevano un calendario affine, con alcune varianti determinate dal diverso ambiente naturale:

CALENDARIO LAKOTA
Gennaio Luna del ghiaccio sulla tenda
Febbraio Luna in cui il vitello muta il pelo in rosso
Marzo Luna degli accecati dalla neve
Aprile Luna in cui spunta l'erba Aprile
Maggio Luna in cui i cavalli perdono il pelo
Giugno Luna che ingrassa
Luglio Luna in cui le ciliegie diventano rosse
Agosto Luna in cui le ciliegie diventano nere
Settembre Luna in cui ai vitelli cresce il pelo
Ottobre Luna del cambio di stagione
Novembre Luna in cui cadono le foglie
Dicembre Luna degli alberi scoppiettanti

Per ricordare gli avvenimenti più importanti della loro storia, la maggior parte degli indiani utilizzava canti che venivano tramandati oralmente di generazione in generazione. Alcune persone, dotate della memoria migliore, erano incaricate di ricordare le storie della comunità che meritavano di essere conservate, oltre ai riti e alle credenze religiose. Si aiutavano quasi sempre con sistemi grafici e materiali. Certe tribù utilizzavano corde annodate, con ogni nodo a significare qualche cosa; altri infilavano perline e conchiglie in corde di varia lunghezza. Questo sistema, comune ad esempio ad Apache e Uroni, permetteva di contare i giorni di una spedizione di guerra e un qualsiasi evento che potesse essere tramutato in fatto storico o politico. Alcune tribù, come gli Zuni e altre tribù del sud-ovest, utilizzavano dei bastoni, incisi, dipinti o segnati da tacche. Gli Irochesi, tramandavano gli avvenimenti con alti pali infissi nel terreno; sui quali intagliavano e incidevano simboli che significavano qualche fatto importante,la loro durata e la lontananza nel tempo. I Powahtan registravano i loro avvenimenti su pelli conciate, sulle quali, poi, dipingevano le
figure principali del loro universo religioso e storico. I Kiowa e i Lakota furono le tribù che portarono alla massima perfezione la conservazione della loro storia, dipingendola su pelli di bisonte. I calendari dei Kiowa erano molto precisi perché i segni dipinti che identificavano l'anno erano due, uno per i mesi invernali e uno per i mesi estivi. I calendari Lakota tramandavano un fatto attraverso il conto degli inverni e il tempo rappresentato indicava un periodo a cavallo di due anni della nostra era.
Questo metodo, efficace e semplice per l'utilizzo tribale, si rivelò in seguito impreciso per datare, secondo il calendario europeo, gli avvenimenti importanti della loro storia. Il calendano Kiowa più importante fu quello di Dohasan, 'Piccola Collina', che fu capo tribù per trent'anni. Fu iniziato
nel 1830 o nel 1832 e si snodava su di una spirale continua. I calendari Lakota che si sono conservati fino a noi, riportati su pelle o trascritti nel secolo scorso, sono numerosi e indispensabili per ripercorrere gli anni più lontani della storia della nazione. Di seguito, come esempio, è trascritto un frammento del calendario di Senza Orecchie.

1759: Wicableca henan waniyetu: Durante l'inverno il popolo si disperde. (I1
termine waniyetu significa sia 'durante l'inverno' che in 'quell'anno').
1760: Ho kuwa wikaktepi. Alcuni pescatori furono uccisi.
1761: Wambli kuwa wicaktepi. Furono uccisi alcuni cacciatori di aquile.
1762: Pte anu wampi. Essi nuotarono dopo il bisonte.
1763: Mila wanica. Senza coltelli.
1764: Tajuskala ktepi. Formica fu ucciso.
1765: Walegala ktepi. Sacco di Vescica fu ucciso.
1766: Waze kutela ahi ktepi. Colpisce il Pino è ucciso in battaglia.
1767: Anub ob iyeyipi. Si divisero in due parti (Riferendosi a una banda che
si divise in due fazioni).
1768: Iyeska kicizapi. Quelli che parlano la stessa lingua combattono tra
loro (Guerra civile tra i Teton).
1769: Itehan kiton ktepi. Mascherato fu ucciso.
1770: Wakan Tanka gnaskiya. Wakan Tanka è adirato.
1771: Miwatani oguwicayapi. Essi (i Lakota) bruciarono i Mandan.
1772: Can qin yamini wicaktepi. Tre taglialegna furono uccisi.
1773: Sunka ko ista niyapi. Persino i cani hanno gli occhi accecati dalla
neve. (Per i Lakota il mese di marzo è La Luna dagli occhi accecati e ciò
indica un anno con un inverno tardivo e molto nevoso).
1774: Heyoka kagala ktepi. Chi impersonava l'heyoka fu ucciso dal nemico.
1775: Pahata i nonp wicaktepi. Due scout sono uccisi dal nemico.
1776: Kiglela hi. Va a Casa è arrivato.
1777: Hohe ahi. Arrivano gli Assiniboine.
1778: Can naska yuha ktepi. Porta la Mazza è ucciso.
1779: Tukte el wanitipi tanin sni. Il luogo dove si accampa il villaggio non
è mai il medesimo.
1780: Slukela raka iwoto.Slukela perde tutto al gioco dello hiaka.
1781: Sunka wakan nayan ahi. I cavalli arrivano al campo imbizzarriti.
1782: Nawicasli. Morbillo.
1783: Sina luta in wan ktepi. Manto Rosso è ucciso dal nemico.
1784: Akicita cuwita ta. Molti appartenenti a un'Akicita muoiono congelati.
1785: Oglala kin rante wan icupi. Gli Oglala portano un albero di cedro di
tipo sconosciuto.
1786: Peici maza zuya ti. Pendaglio di Ferro entra in un campo nemico.
1787: Ohanzi atkuku ktepi: Il padre di Ombra è ucciso.
1788: Heyoka kaga nonp wicaktepi. Due che impersonavano heyoka furono
uccisi.
1789: Kangi ota tapi. Molti uccelli corvi muoiono.
(Fonti storiche Il dizionario degli Indiani d'America, di R. D'Aniello, casa editrice Newton,Carver, Travels Through America 1766-1768.Hodge,HAI.Walker, Lakota Society.Taylor, Vita quotidiana degli Indiani d'America.Sturtevant, Handbook of North American Indians.)

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information